• centralino 0421 71329
  • scrivi@residenzafrancescon.it
  • entefrancescon@pec.it
  • Intranet

Francescon in Europa (cross care)

Italia e Slovenia insieme in un progetto transfrontaliero per fronteggiare le sfide dettate dall'invecchiamento. A guidarlo la Cooperativa Itaca: in avvio una sperimentazione di ausili tecnologici domiciliari che permettano di registrare in tempo reale informazioni sulle attività dell'anziano.

Sacile e Trieste per il Friuli Venezia Giulia, Portogruaro per il Veneto, Capodistria e Lubiana per la Slovenia, sono queste le aree di intervento nelle quali dal 1° settembre u.s. si è sviluppato "CrossCare", il progetto Italia-Slovenia che intende sviluppare azioni innovative per affrontare le sfide comuni relative all'invecchiamento della popolazione nell'area transfrontaliera. In avvio una sperimentazione di ausili tecnologici domiciliari che permettano di registrare in tempo reale informazioni sulle attività dell'anziano e permettere il supporto alla gestione del lavoro di cura.

Prevista anche l'attivazione nelle case di riposo di "punti di servizio anziani" per mettere in collegamento famiglie, anziani e servizi esistenti sul territorio. Inserito nel programma Interreg V-A Italia-Slovenia 2014-2020 -, CrossCare è guidato dalla Cooperativa sociale Itaca come ente capofila, diversi gli enti coinvolti in regione tra cui Apsp Itis a Trieste, Servizi sociali dell'Ambito distrettuale 6.1 e Residenza Protetta a Sacile (Pn), mentre in Veneto la Residenza per anziani Giuseppe Francescon di Portogruaro (Ve).

Partenariato Italia-Slovenia

Ampio il partenariato del progetto - che assomma un budget complessivo di 1,2 milioni di euro - che prevede la partecipazione, oltre alla capofila Itaca, di enti che hanno maturato un'esperienza ultra decennale sul tema della presa in carico dell’anziano. A Trieste l'Azienda pubblica di servizi alla persona Itis, impegnata nello studio e realizzazione di modelli sociosanitari personalizzati per la presa in carico; a Sacile (Pn) i Servizi sociali dell'Ambito Distrettuale 6.1 e la Residenza Protetta che si farà carico dell'individuazione del target group di anziani su cui Itaca avvierà la fase di sperimentazione; a Portogruaro (Ve) la Residenza per anziani Giuseppe Francescon, che si occupa di diversi livelli di cura e assistenza di anziani fragili autosufficienti..

Sostegno alle famiglie

CrossCare intende intervenire sul senso di disorientamento di quelle famiglie che, dinanzi alla sopravvenuta fragilità dell'anziano, hanno difficoltà a interagire con gli enti responsabili, a reperire le informazioni necessarie e ad attivare percorsi di sostegno alla fragilità dell'anziano. Informazioni che spesso non delineano una mappa completa delle opportunità presenti sul territorio, determinando una scarsa capacità di connessione dei servizi sociosanitari con i bisogni emergenti nella comunità. Per questa ragione, la Casa di riposo diventa luogo primario di interlocuzione. In questa prospettiva, CrossCare rappresenta un'occasione preziosa per rafforzare la capacità di cooperazione istituzionale sia tra gli operatori degli enti pubblici sia tra quelli del terzo settore, offrendo la possibilità di sperimentare approcci integrati al tema dell'invecchiamento attivo.

Sperimentazioni innovative

Diverse le attività di sperimentazione previste all'interno di CrossCare e finalizzate alla messa a sistema della rete di servizi operanti a livello transfrontaliero, sempre con l'ottica di favorire la permanenza dell'anziano nel suo ambiente familiare e ritardarne l'istituzionalizzazione all'interno delle Case di riposo.

Tra le azioni innovative previste dal progetto, proprio nelle Case di riposo coinvolte a Trieste, Capodistria, Sacile e Portogruaro verrà introdotto il primo elemento di novità, ovvero la creazione di Punti di Servizio Anziani dove sperimentare la nuova figura professionale del "care manager". Attraverso il care manager, le Case di riposo fungeranno da anello di congiunzione tra le famiglie, l'anziano e i servizi sanitari e socioassistenziali esistenti sul territorio, offrendo l'erogazione di prestazioni personalizzate e non più standardizzate. La creazione di questo modello integrato sarà supportata dalla realizzazione di corsi di formazione congiunti rivolti sia ai care manager sia agli operatori sociosanitari.

Inoltre, CrossCare prevede la sperimentazione di ausili tecnologici domiciliari che, oltre a tenere monitorate le routine degli anziani a domicilio e richiamare l’attenzione su eventuali anomalie, consentiranno agli stessi di relazionarsi quotidianamente con il centro servizi partecipando, attraverso l’utilizzo di una televisione interattiva, alle svariate attività proposte.