• centralino 0421 71329
  • scrivi@residenzafrancescon.it
  • entefrancescon@pec.it
  • Intranet
  • fai una donazione

L'approccio alla demenza

nurturing touch

Nurturing touch

Il nurturing touch, il tocco che nutre, è una forma di comunicazione pensata per le persone molto fragili. Attraverso il tocco-massaggio la relazione di cura viene arricchita dallo scambio emotivo, il rispetto dell’altro, l’autenticità, attenzione e affetto. In base alle caratteristiche ed esigenze della persona viene proposto un particolare tipo di tocco-massaggio che si occupa sia del corpo che della mente ed ha come esito il benessere globale della persona.

Pet therapy

Gli animali sono in grado di soddisfare bisogni emozionali fondamentali. Ciò si è dimostrato reale anche in persone affette da demenza. Attraverso il gioco e l’accudimento, importanti canali di interazione tra uomo e animale, un cucciolo può rappresentare un’ancora di salvezza promovendo e rinforzando il legame affettivo e stimolando la relazione interpersonale. Anche la sola presenza di un animale riempie tanti vuoti, la sua naturale inclinazione a non passare inosservato è così disarmante che non può non invitare al buon umore anche la persona più triste.

Doll therapy

La terapia che adotta l'uso delle bambole, sia a livello preventivo che di cura, è chiamata anche "Doll Therapy" ed origina dal contributo della terapeuta Britt-Marie Egedius-Jakobsson in Svezia. La bambola riveste gradualmente un significato simbolico in grado di aiutare a migliorare il benessere delle persone con problematiche che compaiono generalmente in età avanzata, quali le demenze senili, ed alcune patologie psichiatriche gravi caratterizzate da disturbi del comportamento.

Stanza multisensoriale

Al nostro nucleo demenza è presente una stanza pensata sulla base dell’approccio Snoezelen, che fonda le sue origini nei Paesi Bassi. Questa speciale stanza è ricca di stimoli (tattili, visivi, uditivi, sonori) che, opportunamente calibrati a seconda dei casi, possono contribuire da un lato a riattivare la persona dal punto di vista cognitivo e funzionale contrastando apatia e isolamento o, dall’altro, a dare benessere e donare un momento relax in caso di disturbi del comportamento come agitazione, ansia, elevata attività motoria.